mercoledì, Febbraio 21, 2024
More
    HomeCultura e SocietàTestimonianze da Gaza - 2 ...

    Testimonianze da Gaza – 2 Il dott. Mohammed Abushawish (Referente progetto Yohzer Gaza)

    Durante l’85° giorno di aggressione a Gaza pensieri conflittuali ed emozioni difficili mi assalgono costantemente, ponendomi in uno stato comunemente noto come “intermedio”. Non sono sicuro se sono nella realtà o in un incubo che si rifiuta di irrompere nelle pagine del mattino quando sorge il sole, forse perché il cielo rimane eternamente velato da nuvole nere, che impediscono alla luce del sole di raggiungerci, una conseguenza di un bombardamento implacabile che distrugge tutto. Qui.
    Di tanto in tanto, rubo qualche minuto nello spazio blu, osservando il mondo oltre Gaza, solo per ricordare a me stesso che da qualche parte in questo mondo le persone conducono una vita normale: mangiano, bevono e dormono senza difficoltà. Sorrido per un attimo, un senso di calma emerge dentro di me. Tuttavia, questa tranquillità è di breve durata, sconvolta dai bombardamenti e dall’artiglieria che segnalano ulteriore distruzione e morte.


    ‏Oggi è venerdì, il fine settimana finisce. Come tutti gli altri, festeggiavamo il venerdì acquistando cibi speciali come carne, pollo o pesce: un giorno benedetto che segnava la fine della settimana e le difficoltà della vita. Era una giornata di riunioni di famiglia. Purtroppo non è più possibile acquistare tali alimenti; è scarso e, se disponibile, i prezzi superano l’immaginazione.
    ‏Ho una figlia di 10 mesi di nome Alin, la più giovane dei suoi cinque fratelli, che ha assistito a due guerre a Gaza. Una delle sfide più difficili per Alin è procurarsi il latte e il latte artificiale specifico, per non parlare dei pannolini, che si trovano raramente e, ovviamente, a prezzi esorbitanti. Come sapete, i bambini di questa età necessitano di frequenti cambi di abbigliamento.
    Una mattina mi sono svegliata e ho scoperto che Alin aveva esaurito tutti i vestiti caldi che poteva indossare con questo freddo. Con espressione decisa vagavo alla ricerca di qualsiasi tipo di indumento. Dopo una notevole fatica a piedi, ho trovato un piccolo negozio che vendeva abiti a tema natalizio (Babbo Natale). L’ho comprato e l’ho riportato nella mia casa sovraffollata piena di famiglie sfollate da Gaza City sotto il peso dei bombardamenti e della distruzione.


    Abbiamo vestito Alin con questa veste rossa e i bambini hanno applaudito, pensando che l’avessi portata per festeggiare il nuovo anno. Vale la pena notare che i giorni e le date non sono più distinguibili in mezzo all’oscurità e alla distruzione; i giorni sono diventati indistinguibili, intrecciati con il numero dei martiri e della distruzione. Isolati, siamo lontani dal mondo, dal tempo, dalla storia e dall’umanità…

    I più apprezzati

    In Evidenza

    Seguici sui Social